Sciatalgia

Nella maggior parte dei casi è dovuta a patologie che riguardano i dischi intervertebrali come, per esempio, discopatie ed ernie del disco. E’ caratterizzata da un dolore, anche molto intenso e duraturo, riferito lungo l’arto inferiore con percorso posteriore e/o laterale. Bisogna differenziarla con la cruralgia, la quale è l’irritazione del nervo femorale e colpisce la parte anteriore dell’arto inferiore. 


Sintomatologia: dolore acuto e molto forte, spesso presente anche a riposo e di notte; viene scatenato dalle posizioni prese dal paziente, può peggiorare nella posizione seduta. Il dolore, nella maggior parte dei casi, parte dal gluteo e scende lungo la coscia e la gamba fino ad arrivare al piede, dove è possibile che si aggiungano parestesie (formicolii e mancanza  o alterazione della sensibilità). Nei pazienti più gravi si assiste ad una mancanza di forza muscolare nell’arto interessato e ad un deficit neuromuscolare. Da sottolineare che il dolore può essere resistente a qualsiasi terapia farmacologia (anche cortisonica).


Terapia: il primo approccio è, nella quasi totalità dei casi, di tipo conservativo e riabilitativo. 

- Nella prima fase si effettua la TERAPIA con OZONO  senza aghi SORAZON,  a volte è utile associare la Massoterapia o la Tecarterapia. 

- Nella seconda fase,  dopo un’attenta valutazione del singolo caso tramite un Esame Posturale Computerizzato, si valuterà una terapia riabilitativa con Ginnastica Postulare mirata e personalizzata



Torna a Colonna Vertebrale

I contenuti e le informazioni di carattere medico e fisioterapico esposte nel  presente sito rivestono carattere di mero scopo conoscitivo e non intendono in alcun modo sostituire il parere professionale di un medico o di un fisioterapista.

Via Mons. Zeno Piccinelli 1, PALAZZOLO SULL’OGLIO (BS) - Aperto dal Lunedi al Venerdi dalle 8.00 alle 19.30