Osteoporosi


Eziopatogenesi: il termine osteoporosi descrive una condizione di perdita ossea sistemica ed è la risultante finale di un processo cronico di formazione ossea inadeguata, qualitativamente e quantitativamente, rispetto alla sua distruzione. In altre parole, si parla di osteoporosi quando il livello calcico osseo è diminuito a causa di una perdita di equilibrio tra costruzione e distruzione ossea. Questa patologia fa parte delle malattie sistemiche, interessa, pertanto, tutto il corpo, anche se le vertebre ed il femore sono le prime ossa ad essere colpite. Le cause dell’osteoporosi vanno ricercate in più fattori, che possono essere:

• Menopausa e menopausa precoce;

• Età;

• Malnutrizione;

• Malattie genetiche;

• Malattie endocrine (ipertiroidismo, ipercorticismo);

• Riduzione dello stimolo meccanico (assenza di carico).

Sintomatologia: può essere presente anche dolore, ma il “sintomo” più importante è l’aumento del rischio di fratture anche senza traumi particolarmente violenti. Tra queste ricordiamo le più comuni: crollo vertebrale, frattura di femore e frattura di polso.

Terapia: il trattamento è conservativo e riguarda più ambiti medici.  Ottima la terapia SEQEX , utile anche un cambiamento della propria dieta quotidiana e l’attività fisica. 


Torna a Patologie Ortopediche

I contenuti e le informazioni di carattere medico e fisioterapico esposte nel  presente sito rivestono carattere di mero scopo conoscitivo e non intendono in alcun modo sostituire il parere professionale di un medico o di un fisioterapista.

Via Mons. Zeno Piccinelli 1, PALAZZOLO SULL’OGLIO (BS) - Aperto dal Lunedi al Venerdi dalle 8.00 alle 19.30